CLUB

Nome della squadra: Aqvital FC Csákvár
Campionato: NB II. (Serie B)
Sede sociale: Vöröskapu utca 14, 8083 Csákvár
Fondata nel: 1947
Colori sociali: blu-giallo
Presidente: Sándor Nagy
Stadio: Centro Sportivo Ödön Tersztyánszky

Il club è stato fondato nel 1947 con il nome di Csákvári Torna Klub (Club Sportivo Csákvár), e anche adesso ha numerosi sezioni. Oltre alla sezione calcio, la più popolare e di successo, ci sono le sezioni di tennistavolo e pallamano. Attualmente è sempre più importante l’attività del settore del tempo libero nell’ambito della popolazione locale.

Nel 1989 la squadra di Csákvár è arrivata alla finale della Coppa Szabad Föld: in finale la Körmendi Dózsa MTE ha superato soltanto di un goal la nostra squadra, allora in quinta categoria, mandata in campo con questa formazione dall’allenatore Pál Czipóth: Kardos – Pula (L. Szabó), S. Molnár, Magyar – J. Szmolka (Schneider), J. Váli, G. Gulyás, J. Gulyás – Takács, Fekete, Magosi.

Nel 2011 la nostra squadra di calcio ha scritto la storia vincendo il campionato di prima categoria regionale senza perdere punti, unica nella storia calcistica della Regione Fejér dal 1951, inoltre anche la squadra giovanile e la nostra terza squadra regionale sono arrivate prime. In seguito la nostra squadra è arrivata prima in NB III (Serie C), poi nel campionato 2012-13 di seconda categoria divisa in due gironi è giunta al nono posto su sedici squadre. Questa riduzione del numero ha significato allora l’addio alla categoria. Comunque non abbiamo penato a lungo in terza categoria, la squadra diretta dall’allenatore György Bognár ha vinto nella primavera 2014, con un enorme vantaggio, il raggruppamento occidentale ed è subito ritornata in Serie B.

Si è iniziato a costruire il campo attuale e l’edificio ad esso collegato nel 1979. Nella creazione del centro sportivo ha avuto indubbi meriti István Mester che allora, senza soldi ma soltanto grazie a donazioni edilizie e a grossi interventi sociali, è riuscito a creare adeguate infrastrutture per la vita del club. L’inaugurazione del campo è avvenuta nel 1983, la partita d’apertura è stata giocata contro il Tatabányai Bányász davanti a migliaia di spettatori. Nello stadio con una capienza di 2500 spettatori l’incontro Csákvári TK-Ungheria, giocato nel 1997 davanti a spalti gremiti, detiene il record di spettatori.

L’impianto sportivo è stato teatro di numerosi incontri calcistici internazionali. Ad esempio qui ha giocato la prima partita in Ungheria la nazionale femminile australiana, arrivata seconda ai mondiali, contro la nazionale ungherese, qui si è svolto l’incontro della nazionale U15 contro la Svezia e nel maggio 2014 abbiamo accolto anche il campionato mondiale di calcio degli avvocati. La struttura ha dato luogo a numerosi campionati nazionali e ad eventi internazionali. Quattro volte ha anche accolto il campionato nazionale di corsa campestre e una volta quella di corsa di orientamento su breve distanza. La più grande manifestazione è stata organizzata nel 2000 ed era il torneo internazionale della 25esima Coppa d’Ungheria di orientamento, di 5 giorni, al quale hanno partecipato più di 1300 atleti di 22 nazioni.

La struttura, dopo la grande ristrutturazione del 2004, ha preso il nome di Ödön Tersztyánszky, campione olimpico nato a Csákvár. Dal 2011, grazie alle agevolazioni fiscali per le società, sono avvenuti grandi cambiamenti nell’impianto sportivo: è stato costruito un nuovo campo d’allenamento in erba sintetica, il campo principale ha avuto per la primavera del 2014 un nuovo manto erboso, un’illuminazione adeguata alle partite in notturna, un tabellone dei risultati elettronico, il numero dei posti a sedere è stato ampliato e per l’inizio della stagione 2014/15 è stato fatto il tetto dell’edificio degli spogliatoi.

Ma gli ampliamenti però non sono finiti qui dato che nell’agosto 2014 abbiamo avviato il progetto denominato “Stadio nello stadio”: abbiamo contattato le squadre dei quattro massimi campionati europei e della Serie A ungherese ed abbiamo chiesto ad ognuna un sedile dello stadio con l’emblema del club. Così, quando il nuovo settore sarà terminato, potremo dire di essere riusciti a mettere vicini i tifosi di Real Madrid e Barcellona, Manchester United e Manchester City, Bayern Monaco e Borussia Dortmund, Milan e Inter o anche Ferencváros e Újpest.

La costruzione dello stadio è iniziata nel 1979 insieme al palazzetto dello sport e grazie ad una coalizione sociale per il 1983 è stato completato anche il centro sportivo. La partita inaugurale è stata seguita da 1500 persone, negli anni ‘80 la media degli spettatori per le partite in casa era di 600 persone. Originariamente un settore era per i posti a sedere, in genere gli spettatori intorno al campo stavano in piedi. Nel 1996, come conseguenza degli ingrandimenti, il centro sportivo è stato ampliato con nuove tribune e spogliatoi. Nel 2011, dopo 15 anni, grazie alle opportunità date dalla Legge sulle imposte societarie, sono stati effettuati imponenti lavori per sviluppare le infrastrutture.

Adesso ci sono 4 settori per i tifosi:

  1. Edificato insieme al palazzo dello sport si trova il settore dei tifosi di casa, la cui capienza è di 380 persone.
  2. Sopra gli spogliatoi e accanto all’uscita dei giocatori si trova la curva degli Ultras di casa, numero dei posti: 150 persone.
  3. Tra i due settori sunnominati si inserisce il palco dei VIP, con un numero limitato di posti per 20 persone.
  4. Inoltre c’è il settore ospiti separato, al quale si accede con un ingresso a parte attraverso il parco dall’angolo di via Damjanich e via Vöröskapu. Questo settore si trova sul lato nord del campo, dietro la porta, la capienza è di 200 persone.

 

 

 

 

Nello stadio attualmente funzionano tre campi. Il terreno del campo principale è ovviamente in erba, le dimensioni sono di 105 x 64 metri, dispone d’un tabellone dei risultati elettronico e del sistema d’irrigazione, l’illuminazione invece non è ancora stata costruita.

Accanto al campo principale c’è anche un campo d’allenamento in erba sintetica (100×62). Inoltre, a Est del campo principale, è stato costruito in nuovo campo d’allenamento in erba di 20×60, provvisto anche questo di sistema d’irrigazione.